Bosa: Monumenti Aperti 2014 diventa social con l’hashtag #maperti14

Sabato 10 maggio e domenica 11 maggio anche Bosa aderisce alla 18^ edizione di Monumenti Aperti, impegnandosi a far conoscere il patrimonio storico-artistico e culturale della città. I monumenti, compresi quelli che normalmente non è possibile visitare, saranno liberamente aperti e illustrati al pubblico grazie alle visite guidate condotte da studenti delle scuole, dalle associazioni e dai volontari.

Dal 3 maggio al 1° giugno 2014, vedremo circa 10.000 volontari attivi nelle varie iniziative organizzate nell’isola. Sono in gran parte studenti che si sono preparati per un anno per raccontarci i monumenti e la nostra cultura, e che animeranno e guideranno i visitatori in 46 comuni con oltre 600 monumenti aperti. Per cinque intensi weekend avremo la possibilità di scoprire i nostri beni storici – artistici, archeologici e ambientali. Un’occasione per svelare il patrimonio artistico della Sardegna, con l’obiettivo di stimolare soprattutto le nuove generazioni alla conoscenza della propria storia e della propria identità collettiva e culturale, perché oggi, più che mai, è importante riscoprire quel senso di appartenenza e partecipazione alla propria comunità.
Monumenti Aperti ci offre l’opportunità di diventare turisti delle nostre città e protagonisti di una manifestazione sempre più “social”. La comunicazione sui social media, oltre all’Ufficio Stampa del Consorzio Camù, si avvale da quest’anno, anche di @insopportabile, un importante e noto influencer sardo della Rete, professionista della comunicazione turistica-culturale. Ricordiamo perciò di fotografare e di raccontare la manifestazione usando su Facebook, Twitter e Instagram (@monumentiaperti) l’hashtag ufficiale dell’evento: #maperti14.
Per Monumenti Aperti Bosa possiamo aggiungere gli hashtag #bosa e #bosatour.

La nostra città si avvale per l’occasione di alcuni eventi collaterali:
Sabato 10 maggio alle ore 15.30 in Piazza Gioberti ci sarà un raduno dei partecipanti e l’inaugurazione della manifestazione itinerante per il borgo con canti della tradizione bosana a cura de Su Tragiu ‘Osincu e il Coro di Bosa. Il Coro di Bosa svolgerà il laboratorio nella sede di Via Santa Croce.

Sabato 10 maggio e domenica 11 maggio, nel Convento dei Cappuccini, si potrà vedere un’esposizione di reperti archeologici a cura della Soprintendenza di Sassari.
Nel Teatro Civico, in Via Gioberti, l’Associazione La Foce curerà un’esposizione e un laboratorio attivo sul filèt di Bosa, il tradizionale ricamo della città.
Sarà anche esposta la mostra di Pittura “Sa Costa” a cura di Elena Saraceno.
Nel Museo Casa Deriu sarà presente un’esposizione di artigianato artistico.
Nella Biblioteca di Via Carmine ci sarà un omaggio a Giovanni Nurchi, poeta e fotografo di Bosa (1870-1941) e una mostra fotografica “Le attività della Scuola Agraria di Santa Maria dal 1960 in poi”.

Domenica 11 maggio, dalle ore 9.00 alle 13.30, con partenza da Piazza IV Novembre, si potrà partecipare e assistere alla seconda edizione della gara podistica CorriTemo.
Sino alle 19.00 l’Associazione animalista Speranzampetta Onlus animerà la CorriTemo soprattutto per i più piccoli.

Da non perdere, tra le visite dei monumenti aperti a Bosa, l’antico Convento dei Cappuccini, purtroppo non sempre visitabile durante l’anno.

Il programma dettagliato della guida ai monumenti di Bosa e di tutte le altre iniziative organizzate in Sardegna per Monumenti Aperti 2014 è online su www.issuu.com

Monumenti Aperti 2014

Condividi

Pin It

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *