Instagram: le emozioni di un turista custodite in un’immagine

Bosa è un’incantevole città con un paesaggio che ci sorprende e che per il suo forte impatto scenografico può essere magicamente custodito in un’immagine fotografica. Per questo abbiamo scelto di raccontarvi la nostra Città su Bosa Tour oltre che con le parole anche per immagini. Perché un’immagine, quando parla al cuore, vale tante parole.

Mi piace l’idea di una città tecnologicamente al passo con i tempi, con capacità di fare networking sfruttando i social networks; mi piace raccontarla oltre i soliti luoghi comuni. Perciò, sul sito, ho creato una pagina dedicata ad Instagram, il noto social network di condivisione d’immagini, dove abbiamo deciso di far confluire automaticamente tutte le foto con l’hashtag #bosa. Dopo l’acquisizione per 700 milioni di dollari da parte di Facebook, Instagram ha aggiunto recentemente la possibilità di girare dei brevi video raggiungendo così oltre 1.1 miliardi di utenti. Ogni giorno, sul social, nascono delle storie spontanee che raccontano frammenti di vita quotidiana: le giornate in spiaggia con gli amici o la famiglia, la movida nei locali, serate enogastronomiche, monumenti, paesaggi… senza dimenticare le gettonatissime foto di piedi, cibo e gattini. A parte alcune foto che possono apparire leggere ma che, in realtà, costituiscono un ottimo indice per valutare l’evoluzione – o l’involuzione – culturale della nostra società, Instagram rimane uno dei migliori Social network per raccontarsi e per raccontare la propria vacanza. Se usato con sapienza e professionalità, ha dimostrato notevoli potenzialità nel marketing territoriale che sempre più spesso vengono sfruttate dai Comuni, dalle Regioni, dagli Hotels, bed and breakfast ed attività commerciali. Tutto questo grazie a professionisti capaci di illustrare con creatività e passione il territorio, inventando così un nuovo modo per raccontare vere e proprie storie (Storytelling) con immagini e brevi descrizioni che emozionano e creano il desiderio di conoscere i luoghi e le persone.
I turisti usano sempre di più i social network grazie alla diffusione dei dispositivi mobile, condividono foto in rete, raccontano e di conseguenza influenzano. Ecco perché è diventato necessario ed importante che una destinazione sia presente sui social network e che i turisti siano informati anche sui tag usati dalla località.
In occasione di Invasioni Digitali a Bosa, oltre a quelli già esistenti, ne ho creato alcuni specifici per i musei che spero vengano usati non solo dai turisti, ma anche dagli stessi bosani. Vorrei, infatti, che anche i nostri concittadini fossero e si sentissero come <turisti nella propria città>, trovando un modo per riscoprirla e per conoscere quelle sue peculiarità anche scenografiche che colpiscono chi la visita per la prima volta. Io, per esempio, considerato che vivo tra Bosa e Pisa, ogni volta che torno qui in riva al Temo passeggio per le viuzze a “caccia” di scorci e porte particolari o colorate da fotografare e condividere in rete.

Gli hashtag principali sono i seguenti (scriveteli in un commento alla vostra foto):

#bosa #bosamarina #igers #igersitalia #igersardegna #sardegna #sardinia #italy #italia #instaitalia #borgo

Se invece visitate il Castello e musei di Bosa usate:

#castellomalaspina #museocasaderiu #museodelleconce

Hotels, ristoranti, locali e mostre possono “inventare” il proprio tag creando anche contest con premi o sconti per pubblicizzare la propria attività. E se spesso il turista è sommerso da messaggi pubblicitari, in questo caso potrebbe diventare proprio lui il vostro promotore semplicemente scaricando l’applicazione, entrando a far parte della grande community e divertendosi a scattare foto. Perché grazie ai suoi filtri Instagram trasforma ogni utente in un bravo fotografo, se impara ad usare i tag giusti, le foto ricevono così tanti like che uno potrebbe perfino sentirsi, chissà, almeno per un giorno, celebre come Steve McCurry.

Condividi

Pin It

2 commenti

  1. Pingback: #dafareabosa. Consigli semplici e pratici da raccontare su Instagram e La Nuova Sardegna » Bosa Tour | Diario digitale della città di Bosa

  2. Pingback: Il piatto della mia infanzia | Due Parole

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *