Sas frisciolas

A Bosa, per molti, non si avverte la festa di Carnevale senza aver gustato sas frisciolas, le tradizionali frittelle lunghe della Sardegna… fritte e cosparse di zucchero.
Mia madre, le ha sempre fatte in grandi quantità impastandole in un ampio contenitore di terracotta che da noi chiamiamo “su libreri”. Una delle “usanze” è anche quella di regalarne, appena fatte, ai parenti e agli amici più stretti perché sono buone soprattutto calde.
Mi raccomando, fate attenzione, non optate per la farina normale. Ricordo che una volta, ad una mia conoscente, avevano portato delle frisciolas con parecchie bolle e aveva esclamato “Ohi, farinedda b’han postu!” (Ohi! Hanno messo la farinetta!). Perciò, da questo episodio ho capito che a quanto pare bisogna usare solo farina di semola rimacinata.
Vi segnalo la ricetta di mia madre che, aiutata dalle mie sorelle, ha preparato l’impasto. Io, devo ammettere, mi sono dedicata solo alla frittura e al “reportage” fotografico. ;-)

INGREDIENTI
1 kg di semola rimacinata di grano duro
La scorza di 1 limone
La scorza di 1 arancia
2 bustine di zafferano
1 pizzico di sale
1 litro di latte tiepido
25 gr di lievito di birra sciolto in un po’ di latte tiepido
½ bicchiere di grappa
1 litro di olio di semi di arachidi.

Mescolate la semola con la scorza dell’arancia e del limone. Aggiungete, sempre mescolando, il latte tiepido e il lievito. Infine, unite la grappa.
Lavorate bene l’impasto finchè non ci saranno più grumi aiutandovi con le fruste di un frullino elettrico. Copritelo bene e fatelo lievitare per oltre mezz’ora.
Scaldate bene l’olio e versate l’impasto in uno speciale imbuto con il manico lungo. In alternativa potete usare una bottiglia di plastica tagliata a metà. Cercate di formare lentamente una spirale, io consiglio di iniziare dall’interno verso l’esterno.
Adesso fatela dorare da entrambi i lati. Appena pronta posatela sulla carta assorbente e subito dopo su un piatto con abbondante zucchero.

Mangiate “Sas frisciolas” ancora calde, sono squisite!

Frittelle lunghe sarde

Condividi

Pin It

1 commento

  1. Le FRISCIOLAS sono ottime ! Sapete che dpo la Guerra a Bosa si portavano dentro un ORINALE DA CAMERA? si in su orinale ! Certo nuovo e sterilizzato ! Si sembrava una C ……… osinca. Forse per nascondere che anche se non ricchi si facevano fritelle = dolci squisiti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *