Spaghetti saporiti al pesto di pomodori secchi

Estate 1999. Due cassette piene di pomodori di Bosa, una busta di sale non troppo grosso, un coltello da cucina affilato e un cappello di raffia per coprirsi dal sole cocente d’agosto. A giudicare dalla limpidezza del cielo e del sole non dovrebbe piovere.
Fa buio tardissimo d’estate, verso le 19.00 sembra pomeriggio e i miei genitori, appena rientrata dalla spiaggia, sono ancora sul terrazzo, dopo ore, intenti a tagliare in due i pomodori e disporli con la parte aperta verso l’alto su una grossa tavola di legno.

Io aiutavo poco, mi limitavo a controllare il processo dell’essicazione e stavo attenta a cacciare via mosche ed insetti. Per quello consiglio di coprirli con una rete che permette comunque ai raggi solari di filtrare.
Dovrebbero bastare 3 o 4 giorni, poi, in base a quello che ho imparato, consiglio di sistemarli a strati in grossi barattoli di vetro. Ad ogni strato aggiungete un po’ di sale grosso e qualche foglia di basilico fresco che conferirà un buon profumo ai vostri pomodori. Non ci resta che usarli quando abbiamo poca voglia di cucinare o ancora meglio, quando vogliamo improvvisare una cena con gli amici, perché un piatto di spaghetti al pesto di pomodori secchi è una ricetta veloce ma allo stesso tempo saporita.

INGREDIENTI:
500 gr. di Spaghetti
15/20 pomodori secchi
Due spicchi d’aglio
Mezzo bicchiere di olio d’oliva
Vino bianco
Peperoncino quanto basta, se gradito.

Prendete circa 15 pomodori secchi e lavateli per eliminare il sale. Disponeteli in un contenitore, copriteli con dell’acqua calda e lasciateli finché non sono morbidi. Strizzateli per eliminare l’acqua in eccesso facendo attenzione a non scottarvi. Se avete pazienza, spellateli e poi con un mixer tritate finemente fino ad ottenere un pesto cremoso e ben amalgamato. Tritate separatamente anche i due spicchi d’aglio e soffriggeteli in mezzo bicchiere d’oliva. Quando sarà dorato aggiungete i pomodori secchi tritati, lasciate cuocere poco, dovrebbero bastare due minuti, e infine, aggiungete un po’ di vino bianco che lascerete sfumare. E’ importante evitare di salare il pesto in quanto i pomodori sono già salati. Consiglio di salare l’acqua della pasta solo dopo aver assaggiato il pesto perché se risulta molto salato ne basta poco.

E’ arrivato il momento di servirli su un bel piatto di portata, apparecchiate con cura la vostra tavola e scoprirete che anche un piatto economico, semplice e veloce risulterà invitante non solo nel gusto…

Spaghetti ai pomodori secchi

Condividi

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *