Tanti ricordi, una ricetta. Sos pabassinos, i dolci di Ognissanti e dei Morti

Ieri ho visto su Facebook dei pabassinos meravigliosi, identici a quelli che faceva mia suocera. La mancanza dei nostri genitori o nonni si sente ancora di più nelle feste quando vengono a mancare questi semplici gesti sempre uguali che possono essere la preparazione di dolci o cibi tradizionali. Per mia suocera e la sorella Tia Angelina Sechi (maestra di filet), la preparazione de sos pabassinos per la festa di Ognissanti era un rito. La festa per loro cominciava con l’acquisto degli ingredienti e dopo la preparazione terminava con la spedizione del pacco, si perché noi qui a Genova lo aspettavamo trepidanti, anzi i nostri bambini erano proprio impazienti come erano impazienti loro che li avevano spediti. E se arrivassero in ritardo? Cosi le telefonate si susseguivano, loro chiamavano sempre noi e i bambini chiamavano loro: “nonna ma quando arrivano i papassini, ma arriveranno in tempo per la festa?”
Alla fine per la gioia di tutti arrivavano sempre in tempo, e se ne andavano molto più velocemente di quanto ci avevano messo per arrivare, ma eravamo tutti contenti perché la festa senza di loro non era festa.
Così ieri quando ho visto in rete questa meraviglia mi è venuta tanta nostalgia e ho chiesto la ricetta a Torina Sotgiu. La signora Torina mi ha pregato di mandarvi la ricetta e le foto a nome suo e io lo faccio molto volentieri.

INGREDIENTI
1 kg di farina
200 gr di strutto
3 uova intere + 2 tuorli
25 gr di ammoniaca
1 tazzina di latte per sciogliere l’ammoniaca
1 bustina di lievito “Pane degli angeli”.
1 bustina di vanillina
30 gr di anice stellato
Un pugno di semi di finocchio
1 bicchierino di limoncello o anice
La buccia grattugiata di un limone
350 gr di uvetta
400 gr di noci.

Per chi desidera fare la glassa, aggiungete le “perline”! Dopo aver messo l’uvetta in acqua calda per ammorbidirla e aver sminuzzato le noci, mettete tutti gli ingredienti sulla spianatoia e lavorate il tutto fino ad ottenere un impasto morbido. Spianatelo col mattarello, lasciatelo spesso circa mezzo centimetro. Tagliare la pasta a rombi o a rettangolini e infornare a fuoco moderato. Il tempo di cottura varia da forno a forno. Dopo 15 minuti controllate la cottura. La glassa di zucchero a velo e le perline si aggiungono a cottura ultimata.

Sos pabassinos - Ricetta di Bosa

 

Un saluto e tanti sinceri auguri a tutti voi di Bosa Tour e a tutti i Bosani!
Gabriella Dolcino

Condividi

Pin It

1 commento

  1. Ogni tanto rileggo la pagina Bosa Tour perche mi piace,oggi guardando i post ho visto quei meravigliosi pabassinos di Torina Sotgiu e ho cominciato a leggere la storiella che non ricordavo di aver scritto ma che mi è tornata subito in mente : mi sono commossa rievocando quei bei momenti lontani che a volte rimangono assopiti dentro di noi!grazie Bosa Tour. gabriella Dolcino Mereu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *