Quello spirito del Carnevale che potrebbe portarci lontano

Nel periodo di Natale, quando nei supermercati davano i calendari, la prima cosa che controllavo, quando frequentavo le medie, era in che data cadeva il Mercoledì delle Ceneri, per sapere quando sarebbero stati martedì e giovedì grasso. Non so se anche in altri paesi i ragazzi controllano così spasmodicamente il Carnevale o solamente i giorni di vacanza da scuola, ma per noi bosani il Carnevale è un richiamo atavico, quasi vitale.
Un anno, nel 2004, mi è capitato di vivere lontano da Bosa per nove mesi, periodo di Carnevale compreso. All’epoca Facebook non era così duffuso, e sentirsi vicino a casa era molto meno semplice… provavo una nostalgia profonda mentre le mie amiche mi chiamavano al telefono il giorno di “S’attitidu” e sentivo la folla urlare “unu tikkirigheddu“. Ci sono persone bosane che lavorano all’estero o “nel continente” che decidono di spendere le loro ferie a Bosa non in estate, ma a “Carrasegare“. Ci siamo mai chiesti perchè? Avendo vissuto questo “lutto”, sono arrivata alla conclusione che… forse il Carnevale è quel collante che manca al bosano tutto l’anno per fare comunità. E’ quello spirito che potrebbe portarci lontano, oltre le apparenze, le gelosie, le diffidenze che ci frenano così tanto.
Vedo i miei nipotini attendere con ansia le giostre come le attendevo io da bambina, aspettare le Frisciolas frementi, essere certi che il martedì grasso usciranno alle nove vestiti di nero col tappo di sughero bruciato.
Oggi è il giovedì grasso dell’anno 2014. Qui a Bosa mi sono svegliata che pioveva e ho pensato angosciata: “la sfilata! Speriamo non salti!” Invece il sole… che sospetto sia complice e ammiratore di Bosa, ha garantito il divertimento aspettato tutto l’anno. Mentre d’estate il protagonista a Bosa diventa il turista, a Carnevale la scena è indiscutibilmente del bosano, della sua ironia, della sua irriverenza… c’è appartenenza… Sarà lo spirito del Carrasegare a unirci nel futuro?
Buon Carrasegare osinku a tottus!!

S'Attittidu - Foto di Mario Fracasso

Foto di Giampiero Carta e Mario Fracasso

Condividi

Pin It

3 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *