Su Temo idu in su ponte ‘e Bosa

Temo, it’isbagliu as fatu cunsidera!
Jà chi nàschidu ses in Monte Cucu,
che podias calare in sa costera
a sas marinas nostras, mammalucu!
O in Làcanu fagher unu bucu
e andar’a s’istagnu e’ S’Alighera,
o fagher una lagu in Cugurrera
jà ch’a toltu tucadu ses che ciucu.
Sa montagna ‘e Coatos e de Forra
po no andar’a Bosa fan ofeltu
a reparu sa solida petorra.
Ma cun sos giros de sa mariposa
in sos montes sa via t’as abbeltu
ca fut destinu a nde morrer in Bosa.

Su trinta de Làmpadas 1944
Poesia di Remundu Piras

Traduzione

ll Temo, che vediamo dal ponte di Bosa

(O) Temo considera che sbaglio hai fatto!
Mi sei nato nel Monte Cucu (in territorio di Villanova Monteleone),
potevi discendere lungo il pendio verso le nostre marine, mammaluco!
(O) in Làcanu (località rocciosa del nel territorio di Padria) fare un buco
e arrivare fino allo stagno di Alghero,
oppure fare un lago a Cugurrera (Località vicino al ponte tra Padria e Montresta, nel territorio conteso per secoli tra Bosa e Montresta),
visto e considerando che sei partito storto come uno sbronzo.
La montagna di Coatos e de Forra (territorio di Suni)
per non andare direttamente a Bosa ti hanno offerto
come riparo con i lori petti robusti.
Ma con questi voli da farfalla
ti sei aperto comunque una strada (un percorso) in mezzo ai monti,
perché il tuo destino era morire (finire) a Bosa.

30 giugno 1944.

Traduzione a cura di Màriu A. Sanna

Condividi

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *